Fattori psicologici nel trapianto di cuore. Uno studio. Una riflessione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Fattori psicologici nel trapianto di cuore. Uno studio. Una riflessione

Messaggio Da Dott. Paliotti il Gio Feb 11, 2010 9:54 pm

Si
apprende dal sito del Centro Nazionale Trapianti che uno studio, realizzato presso l'Ospedale Sant'Orsola di Bologna, ha dimostrato una correlazione tra lo scarso adattamento psicologico alla condizione di trapiantato di cuore e l'accresciuto rischio di eventi avversi.
Attraverso interviste strutturate, è stato valutato lo stato di salute mentale e di benessere psicologico di 95 pazienti trapiantatati di cuore, integrando poi i risultati con le condizioni socio- demografiche, con la presenza di altre patologie e del numero di farmaci prescritti.

Lo studio, pubblicato su Transplantation, ha quindi evidenziato che esiste una correlazione significativa tra lo stato psichico e le condizioni di salute dopo il trapianto.

La notizia, in verità, non desta alcuno stupore.

Mente e corpo non sono due entità distinte, ma sono aspetti diversi di un tutt'uno in costante interazione tra di loro.

Un problema organico inevitabilmente influenza la sfera mentale.
E allo stesso modo quindi, uno stato di continua tensione psichica può determinare alterazioni funzionali nel corpo che, a lungo andare, possono dare origine a patologie organiche.

E' inevitabile che una malattia importante abbia delle ripercussioni psicologiche.
Perché mina le proprie sicurezze di base e induce sentimenti di tristezza, rabbia, ansia.
Sentimenti che non vanno sottovalutati, anzi occorre prestare loro attenzione allo stesso modo in cui si seguono i parametri clinici.


Spesso infatti si sente dire: è solo un problema psicologico... quasi a minimizzare... senza considerare che, non solo, un problema psicologico porta la stessa sofferenza, se non maggiore, di un problema fisico, ma che può dare origine ad alterazioni funzionali che, a lungo andare, possono trasformarsi in lesione organica.

A proposito quindi della ricerca in oggetto, mi auguro che tali risultati possano comunque indurre ad una maggiore considerazione del vissuto del paziente, considerandolo nella propria unità psicofisica, e attuando quindi una serie di interventi che prevedano il sostegno psicologico.

Perché il problema non è tanto comprendere la correlazione che esiste tra trapianto, stato ansioso-depressivo e problematiche cliniche. Ma è riuscire a sostenere psicologicamente il trapiantato fornendogli questi strumenti idonei a consentirgli di trovare in sé nuove risorse, motivazioni e significati del proprio percorso.

Un lavoro che in verità, dovrebbero fare un po' tutti, sani e malati, ma che in presenza di una grave malattia, e in particolare di un trapianto, diviene indispensabile.

Dott. Paliotti

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 24.06.09
Età : 61
Località : Napoli

Vedere il profilo dell'utente http://unviveremigliore.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online
Sondaggio

Sei favorevole alla donazione degli organi?

 
 
 

Guarda i risultati

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines